Flavio Andreini

Profilo

BIOGRAFIA

Nato a Firenze e laureato in Lettere Moderne con una tesi su Robert Altman.
Inizia a lavorare in teatro nel 1972. Attore, regista e autore per circa quindici anni sia nel teatro "ufficiale", che in quello off.
Decine di tournee in giro per l'Italia con i Teatri Stabili e con le compagnie private.
I miei maestri sono stati i fratelli Andrea e Antonio Frazzi e Giancarlo Cobelli.
Come attore ho lavorato molto anche in Cinema e TV. Da "Marcia Trionfale" di Bellocchio a "B" movie come "Quel maledetto treno blindato" da cui poi Tarantino ha tratto "Inglorious basterds". Da film "di violenza" come "La settima donna" a sceneggiati RAI old style come "La
Velia" di Ferrero.
Tengo molto ad un mio testo teatrale "Ambarabaciccicoccò" realizzato col Teatro Stabile di Bolzano, alla mia regia (sempre teatrale) di "Mary & Linda Poppins" , testo di Ida Bassignano con la Compagnia MTM.
Circa 25 anni fa comincio a scrivere "a cottimo" per radio RAI, programmi di cabaret e varietà. Finisco per essere il conduttore/autore del Gran Varietà domenicale in diretta con l'orchestra del maestro Pregadio.
In quel periodo faccio un po' di cabaret televisivo.
Partecipo al Festival di cabaret di Loano e arrivo secondo (sempre con testi miei). Vengo notato da alcuni funzionari RAI che mi chiamano a fare l'autore televisivo in "Chi Tiriamo in ballo" la diretta domenicale di RAI2 con Gigi Sabani.
Qui incontro Riccardo Di Stefano, con il quale s'instaura una longeva coppia autorale. Stiamo parlando di più di vent'anni fa. Comincia la mia carriera di autore televisivo. Con Jocelyn a "Conto su di te" poi a "Paroliamo", ecc.
Nel 1990 passaggio alle reti Berlusconiane con per l'appunto Star 90 condotto da Alessandro Cecchi Paone, a cui sono rimasto fedele sino ad oggi salvo un anno dove sono stato autore in una fortunata Domenica In condotta da Mara Venier
Sono circa vent'anni in cui credo di aver realizzato migliaia, non di ore, ma di programmi televisivi, contando anche le centinaia di quotidiani.
Le prime quattro Buone Domeniche con Columbro/Cuccarini e Scotti/Carlucci. Una decina di "Scherzi a parte", tutte le edizioni di Passaparola", "il Bluff", tre edizioni di Stranamore di cui una come Inviato, Sabato al Circo, La Grande Sfida, Guinness dei Primati, Super Karaoke. Detti così alla rinfusa temporale.
Insomma alla fine totalizzo 7 Telegatti, segno di molta acqua sotto i ponti.
In questi ultimi vent'anni ho collaborato con molti dei "grandi" (con poche esclusioni) e ho visto "dall'interno" moltissimi dei format transitati sulle reti Mediaset.
Poi anche al cinema e in TV come attore per una quindicina di anni.